“La politica è una brutta cosa. Che me n’importa della politica?”.

Quando sento fare questo discorso, mi viene sempre in mente quella vecchia storiellina che qualcheduno di voi conoscerà: di quei due emigranti, due contadini che traversano l’oceano su un piroscafo traballante. Uno di questi contadini dormiva nella stiva e l’altro stava sul ponte e si accorgeva che c’era una gran burrasca con delle onde altissime, che il piroscafo oscillava.
E allora questo contadino impaurito domanda ad un marinaio: “Ma siamo in pericolo?”
E questo dice: “Se continua questo mare tra mezz’ora il bastimento affonda”.
Allora lui corre nella stiva a svegliare il compagno.
Dice: “Beppe, Beppe, Beppe, se continua questo mare il bastimento affonda”.
Quello dice: “Che me ne importa? Unn’è mica mio!”.

Questo è l’indifferentismo alla politica.
Aneddoto narrato da Piero Calamandrei durante il discorso sulla Costituzione agli studenti.

Articoli correlati:

Leggi tutti
  • … abbiamo raccolto baracca e burattini e ci siamo trasferiti in Francia.

    Continua…
  • Un racconto di Alberto Ragazzi. Come in una sorta di evacuazione forzata tutti abbandonavano l’edificio, scendendo le scale

    Continua…
  • E come si manifesta a volte in modo distruttivo, a volte in amore folle, a volte in malefici comportamenti. A volte con la distruzione, che poi è la distruzione

    Continua…
  • Quando nel 2005 abbiamo deciso di esercitare un’attività commerciale in Francia, ci siamo trovati di fronte a procedure amministrative,

    Continua…