Mia nonna diceva: questa è la base del savoir faire!

  • Non andare dove non ti hanno invitato.
    Sarebbe imbarazzante essere respinto o essere guardato ferocemente tutta la serata da tutti.
  • Non parlare di quello che non sai.
    Prima o poi trovi chi ti mette nell’angolo e la brutta figura non te leva nessuno, anche se hai una faccia di tolla che levati.
  • Non ti intromettere in quello che non ti riguarda.
    Crei imbarazzo agli altri e cambieranno discorso facendoti sentire uno sgradito intruso.
  • Non aprire il frigo in casa d’altri.
    Che cerchi? Prima di uscire non hai mangiato abbastanza?
  • Non chiamare al telefono dopo le dieci di sera.
    I padroni di casa saranno già a letto a dirsi cosine dolci. Vorrai mica interromperli? Sei invidioso?
  • Non andare a trovare qualcuno all’ora di pranzo.
    Aggiungere un posto a tavola non è una difficoltà; doverlo fare forzatamente è imbarazzante per tutti.
  • Non entrare nella camera da letto degli altri, senza permesso.
    Il titolare della stanza ha diritto a lasciare tutto in disordine e può ben fare a meno del tuo giudizio pettegolo

Erano le regole della buona educazione.

E continuano ad esserlo!

Articoli correlati:

Leggi tutti
  • E come si manifesta a volte in modo distruttivo, a volte in amore folle, a volte in malefici comportamenti. A volte con la distruzione, che poi è la distruzione

    Continua…
  • Quando nel 2005 abbiamo deciso di esercitare un’attività commerciale in Francia, ci siamo trovati di fronte a procedure amministrative,

    Continua…
  • …mi sono chiesto oggi, risalendo lentamente via Assarotti. Ed ho cominciato a snocciolare mentalmente i vari gradi della piramide organizzativa delle attività statali

    Continua…
  • C’était le juin 2005 lorsque nous nous installions à Vannes, place du Poids Public.

    Continua…